Articoli - ScienTiamo

Animated textheadlineswords

Animated textheadlineswords

Animated textheadlineswords

Vai ai contenuti

Superpoteri biologici: la rana Wolverine

ScienTiamo
Pubblicato da in Zoologia · 4 Marzo 2019
In questo articolo vi avevamo parlato della capacità di alcuni parassiti di controllare il comportamento dei propri ospiti, un po' come Kilgrave, il supercattivo della Marvel. Oggi, invece, sarà al vostro cospetto un altro personaggio biologico dai poteri non meno inquietanti: il Trichobatrachus robustus.
Il maschio di questa rana africana presenta due caratteristiche che la rendono unica: possiede delle papille dermali lungo i fianchi e le cosce, che la rendono "pelosa" (è, infatti, nota anche come "hairy frog") e, cosa più sorprendente, possiede dei taglienti artigli sulle falangi delle zampe posteriori.

      


Starete pensando: "E vabbè, capirai, è semplicamente una rana-gatto!". E' quì, invece, che si inserisce la novità scoperta dal prof. Blackburn dell'Università di Harvard: mentre, infatti, gli artigli dei gatti (ed, in generale, di mammiferi, uccelli e rettili) sono costituiti principalmente da cheratina, T.robustus è caratterizzato da falangi terminali a forma di gancio. Quando sono a riposo, queste falangi sono attaccate ad un nodulo osseo, mediante un tessuto connettivo ricco di collagene, e poggiano su un muscolo. Nel momento in cui il baldo giovane si batte per i suoi diritti di rana macho, le falangi si staccano dal nodulo osseo e lacerano la pelle.


    
Fig.1: in (b) visibile il nodulo osseo (n) e la guaina connettivale (ss). Quando il muscolo alla base si contrae, il tendine (t) spinge l'artiglio fuori dal nodulo osseo, comportando la lacerazione della pelle (Blackburn et al. 2008); Fig. 2: schema del processo (http://www.jayhosler.com/jshblog/?p=1068)

Gli studi condotti da Blackburn sono stati eseguiti solo su individui morti, non è perciò chiaro come avvenga la ritrazione: probabilmente, quando il muscolo si rilassa, l'artiglio ritorna passivamente nella sua posizione iniziale e il tessuto lacerato viene rigenerato.
Queste meravigliose caratteristiche splatter, le hanno valso il titolo di "Wolverine frog". Come, in effetti, non pensare al protagonista degli X-man?



Che siano per la riproduzione, piuttosto che per la difesa, alcune meravigliose caratteristiche degli organismi viventi ci lasciano davvero senza fiato.   



Per contatti e collaborazioni: scientiamo@gmail.com
Per contatti e collaborazioni:
scientiamo@libero.it
Per contatti e collaborazioni:
scientiamo@libero.it
Torna ai contenuti